disclaimer

Questo spazio non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può per tanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7.3.2001. Tutti i testi, qualora diversamente specificato sono opera della redazione di mclucstudio. Le immagini sono di proprietà dell’associazione  e/o sono pubblicate con il consenso degli autori/proprietari e qualora doveste trovare una vostra immagine protetta da diritto d’autore vi invitiamo a segnalarcelo all’indirizzo  mcluc.culture@gmail.com Provvederemo a rimuoverla il prima possibile.

Mcluc Culture non si assume alcuna responsabilità in ordine al contenuto dei siti a cui è possibile accedere tramite i collegamenti posti all’interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti. La loro presenza non implica né l’approvazione dei contenuti ivi presentati nè alcuna forma di assicurazione circa la qualità dei servizi o dei prodotti ivi disponibili. Mcluc Culture garantisce che il trattamento dei dati personali acquisiti da e-mail e commenti è conforme a quanto previsto dalla normativa sulla privacy (Ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 (di seguito “Codice Privacy”) e dell’art. 13 del Regolamento UE n. 2016/679 (di seguito “GDPR 2016/679”).

  • La nostra idea sul writing , la street art e la creatività urbana

McLuc Culture non condivide la selvaggia pratica del writing su muri appartenenti alla collettività. Promuove l’arte dei graffiti e la creatività urbana come forma di espressione artistica libera e fortemente creativa. Sosteniamo gli/le artisti/e e la creatività come sviluppo culturale e sociale. L’Arte come messaggio sociale e non come elemento puramente decorativo.

La cultura urbana nasce e si sviluppa dal basso. Interpreta il disagio e i conflitti sociali, li intercetta e li fa propri esprimendoli nelle forme tipiche della cosiddetta creatività urbana. Per poter contrastare i fenomeni come l’imbrattamento dei muri, gli arredi urbani o la mancanza di rispetto verso i beni collettivi, è importante comprendere le motivazioni che li generano.

A volte la società stessa alimenta questi fenomeni credendoli al di fuori di essa. Noi di McLuc Culture, comunque, ci impegnamo nel diffondere una maggiore sensibilizzazione per l’utilizzo consapevole e corretto della pratica dei graffiti. Di ricercare, in accordo con le istituzioni o privati che ne vogliano fare parte, spazi autorizzati dove gli/le artisti/e possano liberamente esprimersi e sviluppare un maggior senso creativo, cercando di incanalare eventuali disagi attraverso l’attività creativa. In qualità di ricercatori auspichiamo una valutazione più attenta e con il minor pregiudizio possibile. Questo consente una valutazione più aperta e profonda e di raggiungere una soluzione più efficace che non abbia forma esclusivamente repressiva.

Fermo restando che l’arte e l’artista meritino rispetto e vada valorizzata la capacità espressiva, come merita rispetto anche chi non si sente artista e comunque si esprime attraverso la creatività. L’espressione artistica deve restare libera da influenze esterne, a volte deve essere a suo modo indipendente e a disposizione di tutti. L’Arte dei graffiti è un ottimo modo per realizzare esposizioni aperte e permanenti soprattutto quando a farlo siano artisti/e di buona capacità tecnica. Un ottimo modo per sensibilizzare le persone verso la creatività, il bello, lo spirito critico e a ridurre, perchè no, certi fenomeni di disagio sociale.

Tuttavia la buona capacità tecnica non si raggiunge in un giorno bensì con molta applicazione e fiducia in se stessi e nelle proprie possibilità, che vanno incentivate. Per alcuni/e ci vuole meno tempo, per altri/e sono necessari molti anni affiancati da una positiva crescita personale. L’esperienza è determinante in questo processo. Alcuni/e desiderano esprimerla apertamente, altri/e preferiscono farlo in silenzio, lontano dai clamori. Ogni percorso merita rispetto.

L’educazione al bello e alla conoscenza di alcune forme d’arte deve avvenire per i/le giovanissi/e come per gli adulti a volte distanti da certi scenari. Il mondo underground, le sottoculture sono spesso criticate benchè in tanti abbiano attinto. Da sempre hanno generato novità culturali fatte emergere poi sfruttate senza rispetto alcuno o hanno favorito l’emersione di tanti talenti e nuove idee, motori di una parte della stessa società che li critica.

McLuc Culture, in conclusione, si sottrae, quando possibile, ai dibattiti pubblici, aperti spesso in modo eccessivamente pomposo, lontani dal modus tipico della cultura urbana, cercando di evitarne la spettacolarizzazione. Come tutte le cose che la vita esprime, anch’essa ha al suo interno differenze, contrasti e contraddizioni. Ognuno/a, delle persone che la praticano o la estimano, la vive secondo la propria sensibilità.

Per il resto rimandiamo alla ormai ricca letteratura sia sul web sia nelle librerie che consentono un maggiore approfondimento per la conoscenza di questa Arte e delle sue origini di ormai circa cinquanta anni fa.